ZTL a Latina

Una associazione dei commercianti che si è dissociata dalla linea di Confcommercio “Latina Centro” sono contro il progetto Adotta una pianta nella ztl” messo in campo proprio dall’associazione di categoria ed erroneamente presentato come un’idea dei commercianti del centro storico. E’ il portavoce dell’associazione Latina Centro, Fabrizio Forte, a fare chiarezza.Il progetto presentato prevede l’installazione di 23 fioriere e 9 rastrelliere, ma l’associazione commercianti, che riunisce 112 esercenti, prende le distanze e si dissocia ribadendo che la propria idea per rivitalizzare il centro storico è ben altra. Ha spiegato Fabrizio Forte: “Abbiamo rappresentato all’amministrazione quale sia la nostra posizione riapertura alla circolazione veicolare nei giorni feriali e isola pedonale attrezzata nei week end. Lo abbiamo fatto in più occasioni a partire dai tre incontri preelettorali, con la presentazione di un progetto per il centro storico, rimasto “lettera morta”, e in numerosi colloqui verbali”.

Forte puntualizza poi che il Coordinamento delle associazioni “è naufragato a causa della mancanza di una visione comune sui destini del centro della nostra città e il documento portato alla amministrazione non vede le firme della nostra associazione nè quelle di Confesercenti e Confartigianato il che ne fa di fatto un documento di Confcommercio la quale rappresenta nel centro cittadino un pugno di esercizi. In merito al progetto poi  restiamo basiti, in quanto in una fase tragica per i commercianti del centro, in un momento in cui è sotto gli occhi di tutti il fallimento dell’esperimento di questa zona a traffico limitato, dopo innumerevoli incontri e confronti si propongono, per rivitalizzare un centro in agonia, 23 fioriere e 9 rastrelliere. Più o meno come se in una casa in fiamme si continuasse imperterriti a spolverare i soprammobili”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui