Vogliono conferire la cittadinanza onoraria per gli investigatori intervenuti per i miasmi a Pontinia


Carabinieri

Vogliono conferire la cittadinanza onoraria per gli agenti di Polizia stradale e i militari dell’Arma dei carabinieri forestali del Nipaf che hanno condotto l’operazione “Smokin’ Fields”  che ha portato al sequestro e alla chiusura dell’impianto di compostaggio Sep di Mazzocchio.  E’ quello che chiedono i comitati di Mazzocchio, Boschetto Gricilli Macallè, Il Fontanile e Pontinia salute ed ambiente che per primi hanno denunciato i miasmi provenienti dall’impianto Sep. hanno scritto i comitati riuniti:  “Gli uomini e le donne della polizia stradale di Aprila e Latina in collaborazione con i carabinieri forestali del NIpaf di Latina diretti rispettivamente dal vice questore Magliozzi e dal maggiore Iansiti  hanno sgominato una vasta organizzazione criminale dedita al traffico illecito e sversamento di rifiuti pericolosi.  Sono loro che, su nostre denunce, hanno appurato che nello svolgimento della sua attività, la Sep non produceva affatto compost di qualità ma rifiuti speciali illegalmente smaltiti e sversati su terreni agricoli della zona. I residenti nella frazione di Mazzocchio (Pontina) ma anche quelli di Priverno e Sonnino, lottano e denunciano da anni i miasmi che hanno provocato malori, costretto intere famiglie a trasferirsi e commercianti e artigiani a chiudere bottega. Agenti e carabinieri hanno raccolto il nostro grido d’allarme e hanno condotto con spiccata professionalità le indagini che si sono concluse con l’esecuzione di diverse importanti misure cautelari patrimoniali nei confronti degli indagati”. Un percorso lungo e tortuoso che ha portato a risultati importanti che ora i comitati vorrebbero certificati anche dai sindaci di Pontinia, Sonnino e Priverno ai quali, nei giorni scorsi, sono state inviate le richieste ufficiali per il riconoscimento della cittadinanza: “L’operazione “Smoking Fields”, attraverso l’estirpazione della pericolosa organizzazione criminale meritevole dell’interessamento della direzione distrettuale antimafia, ha di fatto liberato la città di Pontinia e i gli altri comuni interessati,  da condizioni di conclamata illegalità, per le quali i suoi cittadini erano da anni costretti a subire quotidiani soprusi e che oggi si vedono invece restituita la sacrosanta dignità, da troppi anni calpestata dagli indagati; per questo e per dare il giusto merito agli operatori impegnati nell’operazione, chiediamo la concessione della cittadinanza onoraria dei comuni di Pontinia, Sonnino e Priverno agli uomini e alle donne della polizia stradale di Latina e Aprilia  e dei carabinieri Forestali NIpaf di Latina per le attività da essi svolti a beneficio di tutti i cittadini della zona”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *