Vladimir Putin eletto presidente della Russia perla quarta volta

Putin

Per la quarta volta Vladimir Putin trionfa ed è presidente della Russia. Quando sono state scrutinate il 35% delle schede lo zar si attesta al 76% dei voti, in linea con gli exit poll, che lo davano al 73,9%. E a poche ore dalla chiusura dei seggi per Putin è già tempo di festeggiare. È apparso sul palco del concerto dedicato all’anniversario dell’annessione della Crimea, in piazza del Maneggio a Mosca, sotto le mura del Cremlino, dove ha fatto il suo primo bagno di folla dopo il trionfo alle urne. Questo è il secondo concerto a cui Putin è intervenuto questa settimana, il primo è stato a Sebastopoli, in Crimea:  “Grazie a tutti i nostri sostenitori per questo risultato: ora è importante essere uniti e includere nella nostra squadra anche chi ha votato altri candidati. Il successo è il nostro destino. Lavoreremo tutti duramente per il futuro della grande Russia.” Al secondo posto, come previsto, il candidato del partito comunista Pavel Grudinin con l’11,2%. Seguono il nazionalista Vladimir Zhirinovsky con il 6,7%, Ksenia Sobchak con il 2,5%, Grigory Yavlinski con l’1,6%, Boris Titov con l’1,1%, Serghei Baburin con l’1% e Maxim Suraikin con lo 0,8%. Nel frattempo la commissaria russa per i diritti umani Tatyana Moskalkova ha fatto sapere in una nota che nessuna grave violazione e’ stata segnalata durante le operazioni di voto: “Non ci sono violazioni di rilievo che possano influenzare l’espressione della volontà dei cittadini russi e che rischiano di determinare l’annullamento del voto.” Alle ore 19 di Mosca (le 17 in Italia) il tasso di affluenza si è attestato al 59,5 per cento, mentre alle 17 di Mosca (le 15 in Italia) l’affluenza era stata pari al 51,9 per cento. Sono circa 110 milioni i cittadini russi che sono chiamati alle urne per esprimere il loro voto alle elezioni presidenziali. Ma l’OCSE ha detto che queste elezioni hanno rilevato una assenza di competizione elettorale, quasi un plebiscito.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *