Usati fucili del padre da parte di un uomo: denunciato dalla Polizia ad Aprilia

Fucile da caccia

Sono stati uditi degli spari a ridosso delle zone abitatedi Aprilia,  anche in giorni ed orari non previsti dall’attività venatoria. Il fenomeno, nella periferia sud-ovest della città, ha reso necessaria un’intensificazione dei controlli in materia di armi, connessi anche al fenomeno del bracconaggio e gli  agenti del commissariato di polizia di Cisterna, al termine di un attento screening dei cacciatori residenti nella zona segnalata, hanno individuato un caso particolare. È stata riscontrata l’iscrizione di fucili e munizioni ad un ultranovantenne che in realtà era deceduto da anni. Non è raro che armamenti da caccia vengano di fatto acquisiti per eredità da parenti che, per i più diversi motivi, evitano di sottoporsi alla stringente istruttoria necessaria per detenere e portare un fucile da caccia. I poliziotti hanno effettuato una perquisizione domiciliare nell’abitazione del figlio 40enne, dove hanno effettivamente ritrovato due fucili legittimamente detenuti con relativo munizionamento.  Le armi, per stato d’uso,  sono state con ogni probabilità utilizzate nell’arco dei circa quindici anni intercorsi dalla morte del legittimo proprietario. Per il 40enne, al quale sono state immediatamente sequestrate le armi, è scattata una  denuncia in stato di libertà per detenzione illegale di armi e omessa tempestiva denuncia all’autorità di Polizia. Sono in corso altri accertamenti circa eventuali utilizzi in ambito criminale dei due fucili.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *