Uno degli accusati dell’operazione “Coast to Coast” ha avuto i domiciliari

Polizia

I reati di cui sono accusati e pertanto è scattato per loro l’arresto sono traffico di stupefacenti, usura ed estorsione.  L operzione di Polizia denominata “Coast to Coast” aveva portato nei giorni scorsi all’arresto di quattro persone tra Formia, Gaeta e Cassino. In carcere erano finiti Andrea D’Onofrio, 27enne di Fondi ed Edgardo Luigi Di Nitto, 29enne di Formia, mentre ai domiciliari Alessandro Lucreziano, di Gaeta, e Marcello Di Zenzo, di Cassino.  Per Di Nittoarriva la decisione del gip del tribunale di Cassino che, come richiesto dai legaliVincenzo Macari e Maurizio Lollo, ha disposto per l’indagato una misura meno afflittiva. Dalla serata del 12 agosto il 29enne è stato scarcerato e condotto nella propria abitazione a Formia in regime di arresti domiciliari e il gip ha scritto che  “persiste  un quadro indiziario grave in relazione ai fatti oggetto della contestazione, fondato sugli elementi indicati nell’ordinanza applicativa della misura……con riguardo al pericolo di reiterazione della condotta e di inquinamento probatorio, tuttavia di ritiene, anche alla luce della condotta processuale, che misura idonea a tutelare le suddette esigenze possa essere costituita da quella degli arresti domiciliari”.  L’operazione Coast to Coast ha permesso di sgominare una nuova rete di spacciatori che si stava organizzando per rifornire di stupefacenti, in particolare cocaina, le città del sud pontino.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *