Un’ apicoltore di Formia denuncia il comportamento di Acqualatina che sta mettendo in difficoltà l’apicoltura del Golfo

Giuliano Guglielmo

Un’ apicoltore del Golfo di Gaeta, Giuliano Guglielmo, denuncia il comportamento di Acqualatina perchè a suo dire la disinfestazio e della centrale di pompaggio delle pompe di Capodacqua  sta distruggendo gli allevamenti di api, gli insetti più dolci che ci sono al mondo per via del miele. Ecco quello che dice questo operatore dell’agricoltura:

“ACQUALATINA CI STA AVVELENANDO

Sono oltre 10 anni che faccio l’ apicoltore per mestiere in questa terra splendida ma difficile. Tra i luoghi a me più cari dove ho le api c’è CAPODACQUA, nel comune di Spigno dove sgorga la sorgente più importante degli Aurunci da cui nasce l’ acqua che arriva nelle case di migliaia di cittadini del Sud Pontino.. Oggi per la prima volta ho notato che tutti gli alveari della postazione presentavano segni di sofferenza e, dopo aver escluso ogni possibile causa patologica , ho appurato che fosse un’ intossicazione. Neanche il tempo di finire di ispezionare le api, nel dirigermi verso la sorgente per rinfrescarmi, trovo con stupore un’ azienda di disinfestazione , che stava irrorando veleni nelle aree circostanti la centrale di pompaggio e quindi attigue alla sorgente. QUESTA COSA È UN ATTO GRAVISSIMO, NON SOLO PER LE DIRETTE CONSEGUENZE CHE STANNO AVENDO LE MIE API ( GRAZIE ALLE QUALI VIVIAMO IN 4 PERSONE) E PER IL DANNO ECONOMICO CHE STO SUBENDO, MA PER IL RISPETTO DI TUTTI GLI UTENTI E DEL BENE PIÙ PREZIOSO CHE ABBIAMO. RICORDO CHE PER LEGGE E’ VIETATO QUALSIASI TRATTAMENTO FITOSANITARIO NEL RAGGIO DI 200 MT DALLE SORGENTI E CORSI D’ ACQUA. ACQUALATINA SPA DOVRÀ RISPONDERE DI QUESTI COMPORTAMENTI FUORILEGGE CHE METTONO A RISCHIO LA SALUTE DEI CITTADINI.  RICORDIAMOCI CHE QUANDO MUOIONO LE API, I PROSSIMI POI SIAMO NOI!!!”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *