Trenta balle di fieno in viaggio per Accumoli partiti da Borgo Sabotino

Volontari

Ancora un gesto di solidarietà da parte di Latina  per le popolazioni terremotate. Si tratta di un carico di trenta balle di fieno che è stato spedito dalla associazione di volontari della Protezione Civile Passo Genovese di Borgo Sabotino ad una  azienda agricola di Accumoli che scorati dagli agenti della Polizia Locale di Monza i volontari sono arrivati nel centro stravolto dal terremoto dell’agosto dello scorso anno e hanno consegnato il carico alla presenza del sindaco della cittadina. Ha sottolineato Maurizio Iaiza presidente del gruppo di protezione civile: “Ringraziamo innanzitutto le due famiglie di Borgo Bainsizza, Favò e De Coppi, per la loro generosità. Noi abbiamo semplicemente fatto da tramite e anzi speriamo che in futuro anche altri generosi cittadini di Latina vogliano aiutare questi italiani in difficoltà”. Situazione che in quelle zone è sicuramente difficile, come ha affermato lo stesso Iazia: “Purtroppo ci siamo resi conto di come la ricostruzione vada a rilento,  volevamo già attivarci per usare i circa 3500 euro ricavati dal concerto di Natale per porre in essere una piccola opera di manutenzione che ci avrebbe indicato il Primo Cittadino ma ci siamo dovuti bloccare. Come confermato dal sindaco non si può operare in autonomia e bisogna attendere che si sblocchino le cose a livello ministeriale”.I settori in difficoltà sono agricoltura ed allevamento: “Sono in forte difficoltà non possono aggiustare le stalle e investire e c’è difficoltà a vendere prodotti e quindi a comprare mangimi, fieno e alimenti. Hanno bisogno d’aiuto”. Dopo la visita ad Accumoli, dove i volontari hanno già operato subito dopo il sisma per allestire un campo di prima accoglienza, i volontari hanno fatto tappa ad Amatrice per incontrare gli altri volontari ancora al lavoro e per portare un saluto e un incoraggiamento al primo cittadino dell’altra città simbolo del sisma del centro Italia.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *