Tre uomini nella vita di Sofiya, l’ucraina trovata senza vita

Sofiya

Quella ipotesi che si era manifestata fin dall’inizio, ossia l’assassinio seguito dal suicidio del suo esecutore, ha prese sempre più corpo, questo perché l’ucraina Sofiya Melnyk, di 43 anni, da tanti anni in Italia, stava cercando di rifarsi una vita, separandosi dal suo compagno albanese. E’ stata ritrovata pochi giorni fa dopo che era scomparsa da più di un mese in un dirupo del Monte Grappa, senza vita e con il volto sfigurato. La vicenda, ancora in parte avvolta dal mistero, sembra di ora in ora più chiara. Gli indizi fino ad ora raccolti dagli investigatori sembrano portare a Daniel Pascal, il compagno con cui aveva convissuto per 16 anni. Albanese (ma qualcuno dice che sia di origine francese), 50enne residente a Cornuda, si è suicidato il 26 novembre, circostanza che fa ritenere agli inquirenti che si tratti di un caso di omicidio-suicidio. Sofiya era una donna colta e di gusti raffinati. A detta di molti troppo diversa da quell’uomo che, da due anni, aveva persino perso il lavoro. E’ per questo che aveva coltivato degli amori segreti. La donna frequentava altri due uomini, un geologo emiliano e un medico di Treviso, entrambi facoltosi e più grandi di lei. E proprio quest’ultimo rapporto potrebbe esser stato all’origine del dramma. Sofiya voleva andare a vivere con il medico e, assieme a lui, sperava di costruire una famiglia e avere un figlio. Nel suo biglietto d’addio Pascal non ha scritto alcuna ammissione sulla scomparsa di Sofiya ma tra le ipotesi c’è la possibilità che il 50enne abbia compiuto un gesto estremo per i sensi di colpa. Ora si attende l’esame autoptico, che verrà effettuato nelle prossime ore dal medico legale Alberto Furlanetto. L’autopsia dovrà stabilire la causa della morte e la data del decesso. Unica certezza sembra esser che la donna è stata uccisa e poi trasportata nel luogo dove il suo corpo, ancora vestito, è stato abbandonato all’interno di un sacco nero per la spazzatura a mezz’ora di macchina dall’abitazione di Cornuda.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *