Farmaci

C’è stata una riduzione di pena per alcuni degli imputati nell’ambito dell’inchiesta “Blue Wish che nel maggio del 2018 ha portato alla luce una associazione a delinquere che è stata finalizzata all’acquisto di farmaci con dei certificati falsi, truffando il servizio sanitario: a finire in carcere otto persone. Nella giornata dell’8 maggio la sezione penale della Corte di Appello di Roma ha emesso la sentenza per tre di loro, ancora agli arresti domiciliari,  che hanno patteggiato la pena. I giudici di appello hanno accolto le richieste e ridotto le pene rispetto a quelle comminate in primo grado dal Gup di Latina Mario La Rosa in sede di abbreviato: Francesco Sodano da 4 anni e sei mesi a 3 anni ed 8 mesi; Michele Rivignano Vaccari assistito dall’avvocato Francesco Vasaturo, da 3 anni e 10 mesi a 3 anni e 4 mesi di reclusione; Ilenia Marconi da 3 anni e due mesi a 2 anni e sei mesi di reclusione. Quest’ultima, assistita dall’avvocato Oreste Palmieri, ha ottenuto la revoca della misura cautelare ed è prossima a lasciare gli arresti domiciliari. Permangono le misure cautelari per gli altri due imputati, che dovranno scontare ancora la pena ai domiciliari. In primo grado il Gip di Latina pur condannando tutti gli imputati per il reato di associazione a delinquere finalizzato alla truffa, li aveva assolti dal reato più grave, quello di corruzione. 


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui