Tiziano Ferro

 Tiziano Ferro ha celebrato il 21 giugno i suoi 20 anni di carriera. Tanti ne sono passati dal suo primo brano, “Xdono”, con cui è iniziata la scalata al successo che lo ha portato anche a superare i confini nazionali. Un traguardo importante che come sempre l’artista pontino vuole condividere con i suoi fan. Un lungo post è stato pubblicato questa mattina sulle sue pagine social; una lunga dedica con cui ricorda quanto di bello c’è stato in questi 20 anni di carriera, ma anche le difficoltà e le “disfatte”. Elenca i “mi dispiace” ma anche i “per fortuna” che negli ultimi 20 anni “sembrano infiniti” dice. E poi la dedica speciale a Latina, “la mia unica città” scrive. Ecco che ha scritto sul post: Ho provato a contare questi 20 anni di carriera con i “mi dispiace”. Ho un rapporto strano con il “mi dispiace”. Mi dispiace per questo virus e per il fatto che come sempre ne hanno pagato le conseguenze i più deboli. E mi dispiace davvero per chi – durante gli ultimi tempi – ha vissuto tanto dolore. Se conto i “per fortuna” invece gli ultimi venti anni sembrano infiniti. Quindi “per fortuna” ci sono stati: Dio, la mia famiglia, Victor, gli amici che si sono strappati di dosso gli impegni per esserci sempre. Il mio maestro in quarantena Beau che mi ha insegnato fede e pazienza per poi andare via – e io non dimenticherò più. La mia unica città: Latina – per la vita e per la morte. Alcolisti Anonimi e il dono della sobrietà. I colleghi che mi hanno ispirato e anche i detrattori che mi hanno ferito – perchè no?!? I lavoratori che con dignità si sono fatti strada a picconate attraverso gli ultimi due anni – ai quali sarò sempre pronto a dare una mano. Le persone buone, educate e gentili. Una carezza a me stesso per tutte le volte che – durante gli ultimi venti anni – ho dimenticato chi sono. Due decenni, una collezione infinita di disfatte ma non mi sono mai sentito giudicato, additato, tradito, ferito. E sto parlando di chi mi segue. L’accettazione comune della parola è fan, io la uso perchè è quello il titolo. Ma dico solo: “Vi voglio bene, grazie”!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui