Terrore al centro per migranti di Terracina

Commissariato Polizia di Terracina

Un migrante ospite della struttura a Terracina ha aggredito altri ospiti della medesima struttura. Il richiedente asilo, 24enne del Mali,  è stato arrestato dagli agenti di Polizia del commissariato di Terracina. Negli ultimi giorni il giovane aveva terrorizzato altre persone che vivevano con lui nella stessa struttura e gli operatori della cooperativa, tanto da rendere necessario più volte l’intervento delle forze di polizia.  Da qualche tempo l’uomo pretendeva che gli venissero consegnati denaro e anche donne per soddisfare le sue esigenze sessuali. Era arrivato anche a denudarsi e ad esporre i genitali mettendosi al centro della strada. In alcune occasioni aveva lanciato pietre contro gli operatori della onlus che si occupa dell’accoglienza dei migranti e in un caso aveva impugnato un machete con cui aveva minacciato di morte tutti i presenti, mentre ad un altro ospite della struttura aveva dato un morso violento che gli aveva provocato una profonda ferita all’addome. In modo provocatorio ha minacciato anche di distruggere l’appartamento e di uccidere tutti gli ospiti. Nella giornata di  venerdì 8 giugno, in un crescendo di violenza, il 24enne ha preso un pugnale e ha rincorso un altro richiedente asilo minacciandolo di ucciderlo. Nella disperata corsa per sottrarsi a quella furia, la vittima ha trovato riparo all’interno di una stanza della struttura e si è chiuso dentro.  La richiesta d’intervento al 113 ha permesso che gli agenti del Commissariato di Terracina facessero irruzione all’interno dell’edificio riuscendo a bloccare il 24enne ed evitando così che potesse accadere l’irreparabile. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato. La squadra anticrimine ha ricostruito i pregressi episodi di violenza grazie a dettagliate testimonianze e denunce che hanno consentito di delineare la pericolosità del soggetto e la sua aggressività. Dopo le formalità di rito il maliano è stato  trasferito nel carcere di Latina.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *