Terracina: arrestato un cittadino tunisino per maltrattamenti alla moglie italiana

Violenza
Violenza

Sicuramente sono mondi e culture molto diverse, al di la della naturale differenza di genere, maschile e femminile, che ha fatto scaturire l’ennesima violenza domestica che ha avuto come esito l’arresto di lui. Infatti nella mattinata del 20 dicembre  il personale della Polizia di Stato del Commissariato di Terracina procedeva all’arresto di J. W., un  trentunenne di origine tunisina che si è reso responsabile di gravi reati nei confronti della moglie italiana. La donna, dopo l’ennesimo pestaggio subito dal marito ed aver raccolto le ultime forze, fuggiva disperata in strada chiedendo aiuto ad alcuni passanti, che immediatamente tramite il 113 facevano giungere la Polizia. Finalmente, la malcapitata trovava il coraggio di raccontare agli agenti che era da tempo vittima di violenze fisiche e psicologiche da parte del marito, una storia d’amore che giorno dopo giorno si era tramutata in un escalation di violenze appunto dovute alle differenze culturali e religiose. Il marito aveva attuato tutta una serie di comportamenti e condotte moleste nei confronti della moglie, perseguitandola e generandole stati di paura e ansia, arrivando persino a compromettere lo svolgimento della sua normale vita quotidiana. Un amore finito che si è poi trasformato in un vero e proprio inferno. L’uomo, avendo visto arrivare la Polizia, si dava subito alla fuga, ma i poliziotti della Squadra Anticrimine lo intercettavano e procedevano al suo arresto. L’arrestato è stato condotto presso il Tribunale di Latina dove il Giudice Dr. Velardi ha pienamente accolto le argomentazioni prodotte dagli investigatori, supportate da elementi di prova certi, convalidando l’arresto emettendo il divieto di avvicinamento alla moglie e ai luoghi da lei frequentati. In tal modo si pone fine ad una serie di azioni persecutorie che lo stesso ha reiterato nel tempo contro la coniuge.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *