Tavolo in Provincia per Rio Martino

Rio Martino

C’è stata una importante riunione nella mattinata del 5 novembre martedì 5 novembre, in Provincia del Tavolo istituzionaleconvocato dal presidente Carlo Medici per risolvere i problemi del sito di Rio Martino. Erano presenti oltre al numero uno di via Costa anche i sindaci di Latina e Sabaudia, Damiano Coletta e Giada Gervasi, i rappresentanti della Regione Lazio, della Capitaneria di Porto, dell’Ente Parco del Circeo, del Consorzio di Bonifica  oltre alle associazioni dei pescatori e della Consulta dei Borghi.  L’incontro aveva l’obiettivo di predisporre soluzioni a breve e medio termine per il dragaggio del canale, un intervento necessario e non più rinviabile. Al termine di un ampio dibattito, la Provincia ha preso l’impegnodi provvedere non soltanto coordinando i passaggi tecnici ma ancheanticipando le somme necessarie per effettuare i lavori, somme che saranno poi rimborsate dalla Regione. Hanno commentato dalla Regione Lazio: “Il risultato raggiunto è stato possibile anche grazie alla fondamentale collaborazione delle amministrazioni comunali di Latina e Sabaudia e della Capitaneria di porto”. Ha sottolineato il presidente Medici:  “Ho già attivato i nostri uffici  affinché predispongano tutti gli atti necessari adavviare con urgenza i lavori di dragaggio dell’area centrale del canale in modo da consentire ai pescatori di entrare e uscire dal canale stesso. Intendiamo inoltrearrivare alla firma di un Protocollo che consenta di intervenire automaticamente quando è necessario fino a quando l’area di Rio Martino non sarà affidata in concessione con apposito bando di gara. Siamo soddisfatti della collaborazione tra i diversi enti che ci ha consentito di sbloccare la situazione e anche del fatto che la Regione Lazio ha accolto la nostra richiesta di procedere, attraverso apposita legge regionale, alla riclassificazione dei porti includendo tra questi anche Rio Martino sanando un vuoto che in qualche modo penalizza l’intera area e le sue prospettive di sviluppo”. 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *