Guardia Costiera

Un attività che la Guardia Costiera fa sempre con attenzione perché una delle cose che sta a cuore è la sicurezza dei bagnanti che affollano le spiagge del litorale pontino di competenza della capitaneria di Porto di Gaeta. Infatti L’attività, che interessa i litorali di Gaeta, Fondi, Sperlonga, Itri, Formia e Minturno, iniziata con l’operazione “Mare Sicuro” ha come obiettivo continuare a garantire condizioni di sicurezza a quanti, diportisti, bagnanti, subacquei e sportivi, in questo periodo si concentrano lungo il litorale. Rimane quindi, operativo, il complesso dispositivo di sicurezza della Guardia Costiera, costituito da pattuglia a terra, da motovedette e da unità navali minori che ha consentito questa estate, nel corso del periodo di maggior flusso turistico, di registrare un regolare svolgimento delle attività di balneazione e diportistiche, senza incidenti di particolare gravità. Nella giornata di ieri, i militari della Guardia Costiera di Gaeta nel corso dell’attività di monitoraggio del litorale hanno individuato strutture balneari che, al momento dell’accertamento, erano prive del servizio di assistenza e salvataggio. Tutti collocati lungo il litorale di Gaeta i quattro stabilimenti balneari e l’attività di noleggio presso i quali è stata accertata l’assenza dell’assistente bagnante. Dopo aver provveduto a far ripristinare immediatamente il previsto servizio di assistenza e salvataggio, i militari della Guardia Costiera di Gaeta hanno fatto scattare per i cinque trasgressori la sanzione amministrativa. Oltre cinque mila euro, quindi, le sanzioni elevate per la violazione dell’ordinanza di sicurezza balneare che impone l’obbligo per concessionari e gestori di predisporre un servizio di assistenza e salvataggio a tutela dei bagnanti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui