Sposa bambina di 9 anni violentata dal “marito”: un 35enne musulmano

Sposa bambina

Sembra impossibile credere che una cosa del genere possa accadere in Italia, ma questo episodio, per quanto sia brutale, è il frutto della globalizzazione e dell’immigrazione che porta ovviamente culture diverse a convivere in un paese che ha delle leggi diverse rispetto a delle consuetudini che nei paesi dove vige la legge islamica sono dure a morire, eppure è accaduto. Andiamo a vedere il fatto in questione: è stata violentata  a 9 anni dal promesso sposo musulmano. La drammatica vicenda  non arriva da un paese straniero dove le spose bambine fanno ancora parte della realtà di tutti i giorni,  ma da casa nostra e precisamente dal Padovano. Il caso è stato scoperto per caso,  dopo che la bambina è stata portata in ospedale dai genitori in seguito agli abusi sessuali subiti. I segni riscontrati dai medici sul corpo della piccola non avrebbero lasciato dubbi: sarebbe stata abusata sessualmente dell’uomo, un 35enne straniero, come confermato  dalla stessa bimba agli psicologi. La piccola ha raccontato molti particolari che potranno rivelarsi decisivi per inchiodare l’orco. Sul caso è stata aperta un’indagine dove  hanno  ascoltato la testimonianza della piccola vittima, accolta in un centro di ascolto organizzato dal club Soroptimist e dai Carabinieri di Padova nella sede del comando provinciale. A decidere il futuro di questa bambina che frequenta ancora le elementari sono state le due famiglie,  entrambe musulmane. I genitori di lei e quelli di lui hanno deciso a tavolino  che nonostante la sua tenera età poteva essere data in sposa ad un uomo che potrebbe essere suo padre: più grande di lei di ben 26 anni. I soprusi che ha dovuto subire a soli nove anni, rappresentano un trauma che la bambina si porterà dietro per tutta la vita. Per riuscire a superare la choc, avrà bisogno di un lungo percorso di sostegno con psicologhi e altri esperti. Ma non ci sono dubbi che resterà segnata a vita da quanto le è successo.

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *