Soccorsi dalla Guardia Costiera di Gaeta due diportisti che hanno avuto la barca affondata

Nella notte del 6 luglio la Guardia Costiera di Gaeta ha tratto in salvo due diportisti, dopo che la loro imbarcazione è affondata. Erano circa l’una e trenta quando la stazione satellitare della Guardia Costiera riceveva il segnale di soccorso lanciato dalla radioboa satellitare di emergenza della imbarcazione di due diportisti francesi, partiti dal porto di Fiumicino e diretti verso l’isola d’Ischia. La sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta inviava la motovedetta in servizio di ricerca e soccorso per cercare di individuare, nonostante l’oscurità della notte, la sfortunata imbarcazione. I due diportisti, infatti, in quel momento erano impegnati ad utilizzare le dotazioni di bordo per cercare di frenare l’ingresso dell’enorme quantità di acqua che, entrando dai motori, stava affondando la loro unità. Nonostante i loro sforzi, i due diportisti erano costretti ad abbandonare la loro imbarcazione a motore di oltre 16 metri, e trovare rifugio a bordo della zattera di salvataggio. Dopo un’attenta ricerca, anche con l’ausilio della strumentazione di bordo, la motovedetta della Guardia costiera di Gaeta riusciva a localizzare a circa 12 miglia in direzione Palmarola, l’imbarcazione semiaffondata riuscendo, così, a trarre in salvo i due naufraghi. Abbandonata l’imbarcazione semiaffondata, i due malcapitati di 53 e 49 anni, sebbene in forte stato di agitazione, a bordo della motovedetta venivano trasportati in banchina per essere affidati alle cure sanitarie dei medici del servizio 118 allertato dalla Guardia Costiera.  La stessa Guardia Costiera ricorda che per ogni emergenza in mare è attivo 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, il numero gratuito 1530.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *