Sequestrata una grossa partita di marjiuana ad Ardea


Sequestro droga

C’è stato un maxi sequestro di droga destinato ad essere usata per Capodanno, con un blitz della Polizia  scattato ad Ardea dove sono stati sequestrati 32 chili di stupefacente edarrestati tre uomini di 27, 31 e 56 anni.  L’operazione è degli agenti della sezione narcotici della Squadra Mobile che dopo una lunga serie di indagini ed appostamenti hanno individuato un casolare ad Ardea adibito a serra per la coltivazione di intere piantagioni di marijuana. Qui, secondo quanto scoperto dalla polizia, venivano curate tutte le fasi necessarie alla lavorazione della droga, dall’inseminazione alla raccolta e successiva vendita. All’interno dello stabile, nel corso dell’operazione, sono stati rinvenuti circa 32 chili di marijuana ed è stata sequestrata anche una sofisticata attrezzatura, insieme ai fertilizzanti usati per la coltivazione. Il locale era suddiviso in quattro ambienti principali, tra loro comunicanti, nei quali erano state ricavate delle serre, ciascuna adibita ad una precisa fase della lavorazione: coltivazione, raccolta, essiccatura, confezionamento. Una serra a regola d’arte, con filtri d’aria, un impianto di condizionamento, un impianto elettrico con quadri elettrici muniti di temporizzatori che regolavano l’accensione delle lampade, nonché portalampade e pannelli riflettenti. Durante il blitz i poliziotti hanno sorpreso due giovani romani impegnati all’interno del casolare nella lavorazione, ed il padre di uno dei due, risultato poi essere il proprietario dell’intero casolare. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, presso l’abitazione di uno dei due ragazzi è stata rinvenuta e sequestrata anche una pistola con matricola abrasa ed ulteriori 38 grammi di hashish. I tre sono stati arrestati con l’accusa dicoltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente e detenzione illegale di armi, e tradotti presso la casa circondariale di “Velletri”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *