Scritta

Sono state rinvenute delle scritte antisemitedi fronte all’ingresso di due scuole a Pomezia: si tratta del liceo Pascal e dell’Istituto Largo Brodolini. Il doppio episodio si è verificato nella mattina del 12 febbraio. Immediata è stata la condanna da parte del sindaco di Pomezia Zuccalà che ha commentato quanto accaduto con un post sull pagina Facebook dell’Amministrazione. Mentre gli operatori del Comune sono già impegnati negli interventi di pulizia delle aree interessate dalle scritte di colore nero: “Un atto gravissimo che condanno a nome di tutta l’Amministrazione comunale. A pochi giorni dalla Giornata internazionale della Memoria, e nella giornata di oggi in cui proprio l’Istituto Brodolini organizza un incontro che vede ospite Gabriele Sonnino, testimone di quella pagina buia della nostra storia, sono rammaricato e indignato per quanto accaduto. Questo ci spinge a lavorare ancora di più con le scuole per trasmettere alle nuove generazioni una memoria collettiva che è il messaggio di chi c’era e il ricordo vivo di una comunità che difende i diritti umani. Spero si possa fare luce quanto prima sugli autori di questo vile gesto Intanto gli operatori ambientali del Comune di Pomezia sono già al lavoro per ripulire le aree”. Sui due episodi sono ora in corso le indagini da parte dei Carabinieriche stanno svolgendo accertamenti anche in merito alla vandalizzazione a Pomezia, il 7 febbraio, di una stele in ricordo dei martiri delle foibe. Ha commentato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingarettiattraverso un post su Facebook:  “Adesso basta, è gravissimo e non può ripetersi. Sono sicuro che i ragazzi della scuola, feriti da questo schifo, reagiranno con orgoglio per riaffermare i valori di antifascismo e libertà che hanno salvato il nostro Paese in passato”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui