Scomparso dopo una breve malattia il Presidente di Acqualatina Giuseppe Addessi

Giuseppe Addessi

Lutto nel mondo dell’economia pubblica: è morto, dopo una breve malattia, il presidente di Acqualatina l’avvocato Giuseppe Addessi, a 63 anni.  L’avvocato di Fondi era gravemente malato e già da alcune settimane familiari e amici sapevano che le sue condizioni erano disperate. Addessi era al suo secondo mandato come presidente di Acqualatina. La prima volta fu nominato nel 2010. La conferma in quella carica è stata fortemente voluta meno di un anno fa dai sindaci del centrodestra, di Forza Italia in particolare, dal momento che sotto il suo controllo la società che gestisce il servizio idrico era riuscita a garantire un netto miglioramento dei conti, con bilanci in attivo. La morte di Addessi, avvenuta nelle prime ore della giornata, ha sconvolto quanti a Fondi, città in cui era conosciuto e apprezzato anche per la decennale attività di avvocato, hanno appreso del decesso. Il cordoglio dell’a.d. di Acqualatina, Luigi Besson, a nome del CdA e del personale di Acqualatina ha così commentato: “Oggi, per Acqualatina è un giorno di grave lutto. Sin dal primo giorno in carica, il Presidente è stato un punto di riferimento per la società e ha assolto con passione al ruolo di rappresentanza istituzionale, che ha ricoperto per oltre sei anni. Il presidente Giuseppe Addessi lascia un grande vuoto, umano e professionale”. Così il presidente della Provincia di Latina Eleonora Della Penna ha dichiarato: “A nome personale e dei sindaci dell’Ato 4 esprimo il più sentito cordoglio per la scomparsa del presidente di Acqualatina, l’avvocato Giuseppe Addessi. Il presidente Addessi ha avuto la capacità di guidare la società negli ultimi due anni in un momento certamente non semplice per la vita del gestore. Un momento di transizione che ha visto impegnati i sindaci anche in un confronto politico duro e schietto. Addessi, nell’ambito di questo confronto, ha sempre messo a disposizione la sua esperienza offrendo, soprattutto nell’ultima fase relativa alle note vicende della ripubblicizzazione del servizio idrico e del cambio di assetti societari, un supporto competente e di alto livello. Alla famiglia e ai dipendenti tutti di Acqualatina voglio dunque esprimere, ancora una volta e unitamente ai sindaci dell’Ato 4, le mie più sentite condoglianze”.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *