SAN GUIDO MARIA CONFORTI Vescovo e Fondatore

Stemma Vescovo Conforti
Il Vescovo Conforti

Il fondatore dei Comboniani, Daniele Comboni è stata una eccezione di quei fondatori che hanno fondato ordini che hanno creato membri per l’evangelizzazione dei continenti che nell’Ottocento le grandi potenze europee si sono spartite. Parliamo in questo caso di Guido Maria Conforti Ottavo di dieci figli di Rinaldo, agricoltore benestante, e Antonia Adorni, nacque a Casalora, una frazione di Ravadese, oggi nel Comune di Parma. A Parma compì tutti i suoi studi, dapprima presso la scuola dei Fratelli delle Scuole Cristiane, poi presso il Seminario Diocesano, allora diretto da monsignor Andrea Carlo Ferrari. Intenzionato a dedicarsi all’attività missionaria, si rivolse ai Gesuiti e ai Salesiani ma, anche a causa di alcuni disturbi neurologici che lo affliggevano (epilessia e sonnambulismo), tutti respinsero la sua domanda. Tuttavia venne ordinato sacerdote il 22 settembre 1888 nel santuario di Fontanellato. Nel 1895 venne nominato Vicario generale della Diocesi. Non dimenticò mai la sua vocazione iniziale, ossia diventare missionario e per questo il 3 dicembre 1895 fondò l’Istituto emiliano per le missione estere, per la formazione del clero missionario, ufficialmente approvata dal vescovo il 3 dicembre 1898 come Congregazione di San Francesco Saverio per le missioni estere: alla congregazione venne affidata particolarmente l’evangelizzazione della Cina e, nel 1901, durante la rivolta dei Boxer, venne ucciso anche Caio Restelli, il primo saveriano a subire il martirio. Il 20 novembre1920 la Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli approvò definitivamente le Costituzioni della Società ed il 24 ottobre1921 il Prefetto della Congregazione nominò Conforti, in quanto fondatore, Superiore Generale dei Saveriani vita natural durante. Dopo alcuni anni di organizzazione ed allestimento, nel 1901 viene inaugurato per sua volontà il Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Parma. Il 9 giugno 1902 papa Leone XIII lo nominò arcivescovo di Ravenna e Conforti ricevette l’ordine episcopale il 12 luglio successivo, lascerà l’incarico un anno dopo, ancora per malattia. Nel (1904) fu nominato da Papa Pio X vescovo titolare di Stauropoli e venne nominato Coadiutore della diocesi di Parma e succedette al vescovo Francesco Magani il 12 dicembre1907, divenendo il 65º Vescovo di Parma. Fu fondatore, con il missionario del PIME Paolo Manna, dell’Unione Missionaria del Clero (approvata da Benedetto XV nel 1918).Il 12 aprile 1912 ordinò nella cattedrale di Parma Luigi Calza, il primo saveriano chiamato al ministero episcopale, nominato Amministratore apostolico di Chengchow, in Cina. In quell’anno si associa vigorosamente all’iniziativa di un appello al Papa, perché richiami energicamente la Chiesa italiana al dovere di sostenere l’evangelizzazione nel mondo. L’idea è partita da don Giuseppe Allamano, fondatore a Torino dei Missionari della Consolata. La Giornata missionaria mondiale, istituita poi nel 1926 da papa Pio XI, realizzerà una proposta contenuta già in quell’appello del 1912.Nel 1928 Conforti si recò anche a visitare le missioni saveriane nella regione cinese dell’Henan. Morì a Parma il 5 novembre del 1931.  Giovanni Paolo II lo ha beatificato il 17 marzo 1996 in quanto alla sua intercessione era stata attribuita la guarigione nel 1965 in Burundi di Sabina Kamarizada, all’epoca dodicenne, da un cancro pancreatico: durante la stessa cerimonia venne beatificato anche Daniele Comboni. È stato canonizzato da Benedetto XVI il 23 ottobre 2011. Attualmente le sue spoglie riposano presso il Santuario a lui dedicato nella cappella dell’Istituto Missioni Estere da lui stesso fondato.

 

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *