Roma, sfruttamento della prostituzione: chiusa una casa di appuntamenti in via Ostiense

Sigilli

Scoperto un altro caso di sfruttamento della prostituzione da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia EUR che  hanno arrestato una 55enne cinese: gestiva una casa di appuntamenti in uno stabile di via Ostiense. Da alcuni giorni i militari avevano notato un insolito e continuo via vai di uomini che, prima di accedere all’abitazione, utilizzavano una sorta di codice per farsi riconoscere, solitamente una telefonata davanti al portone condominiale. Dopo la chiamata, ad aprire la porta, in abiti succinti, la donna che furtivamente li faceva entrare in casa. Individuato l’appartamento, i Carabinieri sono entrati all’interno dell’abitazione con uno stratagemma e hanno riscontrano l’effettiva presenza della maitresse che gestiva le prestazioni sessuali di una sua connazionale di 47 anni, in Italia senza fissa dimora. Le prestazioni venivano pubblicizzate sui siti internet con annunci che indicavano i recapiti di cellulare da contattare. L’appartamento, sottoposto a sequestro, era stato arredato come una casa a luci rosse, con illuminazione soffusa e candele profumate in tutti gli ambienti. L’arrestata è stata portata in caserma e trattenuta in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida. Dovrà difendersi dall’accusa di sfruttamento della prostituzione .

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *