Roberta D’Angelis contesta la decisione del Consiglio Comunale riguardo la scuola Pollione


Roberta D’Angelis

Tutti ricordano quella assemblea pubblica che ha rischiato di creare una sommossa popolare, ma adesso sembra che la situazione sia diversa e decisa anche in Consiglio Comunale del 25 novembre, ma non la pensa così la responsabile del settore scuola della civica Formia ConTe Roberta D’Angelis, che scrive così:

“Lunedì 25 novembre è stato convocato un Consiglio comunale straordinario per discutere  sulla nota questione del finanziamento per la ristrutturazione e/o demolizione dell’Istituto Scolastico Vitruvio Pollione nel quartiere Mola.

La vicenda è stata oggetto, nei mesi estivi ed in particolare alla fine di luglio, di un tentativo espletato dall’attuale amministrazione guidata dalla prof. Paola Villa, di cosiddetta democrazia partecipata, ovvero, secondo le intenzioni della predetta, di rendere edotta la cittadinanza della possibilità di discutere ed eventualmente di decidere ” tutti insieme appassionatamente” circa l’abbattimento e la ricostruzione in loco oppure individuare altra località fuori il centro urbano per costruire ex novo.

Il tentativo è fallito miseramente anche perchè come stigmatizzato all’epoca, essendo il finanziamento contraddistinto dal vincolo di destinazione d’uso, demolire e ricostruire in altro luogo (delocalizzare), comportava il grave rischio di perdere il finanziamento e la reputazione (intesa come credibilità politica).

La battaglia politica fatta in epoca non sospetta  dal Gruppo “Formia Con Te”, nella persona della sottoscritta responsabile del dipartimento scuola del predetto movimento, ha sortito gli effetti sperati nell’evitare la delocalizzazione della scuola.

 Durante la discussione del 25 novembre abbiamo appreso, con grave sconcerto, che solo il 22 novembre l’amministrazione ha scritto alla regione Lazio per avviare il discorso circa l’ipotesi della realizzazione di un Campus alla De Amicis.

Amministrazione “incapace a delocalizzare” ma brava a chiedere ed ottenere proroghe: per questa strada la scuola la vedranno i nipoti degli attuali studenti, forse……….

Nessuno vanti meriti, ma l’atto di indirizzo in consiglio comunale è stato presentato a nome di tutte le minoranze e peraltro in modo difforme da quanto concordato e corretto anche con il consenso della maggioranza.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *