Latina Biz – Servizi Notizie Eventi Informazioni Cisterna di Latina,Politica,Province Riunione urgente convocata dal sindaco Carturan dopo la morte del giovane sull’ Appia in un incidente

Riunione urgente convocata dal sindaco Carturan dopo la morte del giovane sull’ Appia in un incidente



Incidente

Nella giornata del 2 marzo c’è stata una riunione urgente convocata dal sindaco di Cisterna Mauro Carturan, dove si è svolto un vertice sulla sicurezza della strade. Attenzione puntata, in particolare sulla via Appia, dove  venerdì 1° marzo, si è consumata l’ennesima tragedia. A perdere la vita il 30enne Dante Camboni, uscito fuori strada mentre tornava al lavoro alla guida di un furgone.  A rispondere all’appello urgente del sindaco Mauro Carturan, il comandante della stazione dei Carabinieri di Cisterna Giovanni Santoro e il comandante della polizia locale di Cisterna Raoul De Michelis. Presenti anche i tecnici del Comune. Dall’incontro è emersa la necessità di interventi tecnico-strutturali sulla strada da richiedere all’ente proprietario, l’Anas spa: l’installazione di rotatorie e di guard rail. Per dissuadere gli automobilisti da una guida pericolosa si è invece proposta l’istallazione di un sistema di controllo della velocità media. Il primo cittadino ha inoltre chiesto al prefetto di Latina la convocazione di un tavolo tecnico con la partecipazione della polizia stradale e dell’Anas. Ha spiegato Mauro Carturan: “Ieri, di fronte all’ennesima tragedia successa a un giovane di Cisterna ho chiesto alle istituzioni del nostro territorio di unirsi a noi nella richiesta all’Anas di interventi rapidi ed efficaci sul quel tratto della via Appia. Il prefetto si è reso disponibile a convocare a breve un tavolo tecnico. Per questo lo ringrazio, così come sono grato alle altre istituzioni che stanno ascoltando la nostra richiesta di aiuto. Certo è che non si può tollerare oltre questa situazione quindi, come ho già detto, sono pronto anche a prendere decisione drastiche per interrompere la scia di sangue su quella strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *