Rio Martino

Nella mattinata del 13 novembre si è tenuta nel Palazzo della Governo a Latina una riunione, presieduta dal Prefetto Maurizio Falco, sulle problematiche del porto-canale di Rio Martino su richiesta delle organizzazioni sindacali di settore interessate. All’incontro hanno preso parte l’Assessore Regionale all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali, rappresentanti della Regione Lazio, il Presidente della Provincia, i Sindaci dei Comuni di Latina e Sabaudia, il Comandante della Capitaneria di Porto di Gaeta e le organizzazioni sindacali. Nel corso della riunione è emersa la necessità e l’urgenza di individuare una soluzione alla nota problematica dell’insabbiamento dei fondali, che comporta per i pescatori problemi di transito in entrata e in uscita dalla foce, con le conseguenti ricadute sotto il profilo della sicurezza in mare. Le organizzazioni sindacali hanno rappresentato che la foce, allo stato attuale, è totalmente impraticabile e che i pescatori si trovano impossibilitati a svolgere la loro attività, con pesanti ripercussioni economiche, soprattutto in un periodo di difficoltà legate all’emergenza sanitaria in atto. Il Prefetto, esprimendo apprezzamento per la tempestività dimostrata dalla Regione Lazio nel favorire una soluzione complessa ed articolata del sistema di governance del bacino, ha preso atto della presentazione, da parte dei Comuni interessati, di un progetto di apertura di una via d’acqua, che consentirebbe il passaggio in sicurezza delle imbarcazioni di pesca professionale, nelle more della realizzazione di interventi strutturati di dragaggio dei fondali e di messa in sicurezza delle sponde. Le Amministrazioni comunali si sono, pertanto, impegnate a convocare tempestivamente un’ultima riunione tecnica per approdare velocemente ad una soluzione immediata per i lavoratori penalizzati e porre le basi per una successiva e definitiva sistemazione del porto-canale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui