Ritrovati decine di cadaveri in una fossa comune in Siria

Fossa comune

Sono stati ritrovati in una fossa comune decine di cadaveri sia di jihadisti ma anche di civili, a Raqqa, ex “capitale” dello Stato islamico (Isis) nel Nord della Siria, riconquistata lo scorso ottobre dalle Forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti. Le autorità locali hanno riferito di aver recuperato finora quasi 50 corpi e che la fossa comune potrebbe contenere fino a 200 cadaveri di jihadisti e civili. Abdallah al-Eriane, alto funzionario del Consiglio Civile che  amministra Raqqa, ha detto alla France presse che la fossa è stata trovata sotto un campo da calcio, vicino a un ospedale. “Apparentemente era l’unico posto disponibile per le sepolture, che sono state fatte in fretta. I jihadisti erano trincerati nell’ospedale. Ci sono anche alcuni civili”, ha detto il funzionario, precisando che alcuni corpi sono segnati con il nome di battaglia, mentre i civili solo con il nome di battesimo. Negli ultimi mesi sono già state trovate fosse comuni in Siria e in Iraq, nelle zone liberate dall’Isis. Sempre nella regione di Raqqa, lo scorso febbraio, l’esercito siriano aveva scoperto una fossa con i cadaveri di 34 persone giustiziate dai jiahdisti.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *