Rinviato a giudizio Costantino Di Silvio per non aver pagato le rate del condominio

Tribunale di Latina

 Una volta ancora Costantino “Cha Cha” Di Silvio si trova invischiato nelle maglie della giustizia, per una vicenda alquanto curiosa, visto lo spessore criminale del personaggio. Lo stesso Di Silvio non voleva pagare le spese di condominio parte delle quali necessarie per alcuni lavori da effettuare nella palazzina che gli è costata un rinvio a giudizio con l’accusa di estorsione nel confronti dell’amministratore condominiale  da lui minacciato. I fatti oggetto del procedimento risalgono ad alcuni anni e fino ad aprile 2015. Il capo della famiglia rom avrebbe accumulato complessivamente un debito di circa 15mila euro, somma che comprendeva anche la quota per effettuare lavori di ristrutturazione della palazzina e che non ha mai versato tanto che alla fine l’intervento è stato effettuato ugualmente grazie agli altri condomini che hanno pagato anche la quota di Di Silvio. Nella mattina del 4 marzo  il giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Giuseppe Cario ha accolto la richiesta del pubblico ministero ed ha rinviato a giudizio Cha Cha che dovrà comparire davanti al giudice monocratico Fosso il 3 luglio prossimo. La difesa, rappresentata dall’avvocato Oreste Palmieri aveva chiesto il non luogo a procedere

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *