Il rifacimento del Lungomare e le concessioni dimenticate: Cosa bolle in pentola? Riflessione di Benedetto Crocco

Gaeta medievale

[social_warfare]

Il rifacimento di Lungomare Caboto nella zona di Gaeta Medievale ha determinato la riflessione del candidato sindaco di Rifondazione Comunista Benedetto Crocco che non risparmia le sue critiche su questo lavoro con una nota scritta: ” Dopo proteste garbate, polemiche mediatiche ed apparenti aperture di dialogo riguardanti i lavori di rifacimento del tratto di lungomare antistante la chiesa della “SS. Annunziata”, generate anche dalla frenesia preelettorale che ha interrotto temporaneamente il lunghissimo letargo della politica gaetana, sembra si sia giunti ad una decisione definitiva per la realizzazione degli stessi. Di tanto parlare i troppi commentatori improvvisati e qualche apprendista stregone in cerca di voti in più  hanno dimenticato tuttavia quello che probabilmente è l’aspetto maggiormente rilevante e lesivo dell’immagine di uno dei luoghi più belli e suggestivi della nostra città. E’ il caso invece di metterlo all’attenzione di tutti, soprattutto di coloro che con sincero senso civico hanno seguito finora la questione. Stando a quanto ci risulta sul tratto di lungomare che comprende la zona interessata, da Piazzale Caserta a Piazzale Caboto, l’Autorità Portuale di Civitavecchia avrebbe rilasciato da tempo diverse concessioni per l’attracco di imbarcazioni, finora utilizzate poco o nulla ma tuttora in vigore. Di tali concessioni comunque i più sanno niente né vi sono visibili indicazioni d’esse. Sia che si tratti di singoli ormeggi, sia che si tratti di nuovi pontili o darsene resta il fatto che una possibile futura presenza di numerose imbarcazioni e relativi attracchi in un simile contesto rovinerebbe sicuramente ben più di qualunque rifacimento il valore paesistico e storico del sito. Sorge anzi il dubbio legittimo che proprio i suddetti lavori rappresentino almeno in parte un favore fatto ai concessionari attuali e prossimi eventuali, rendendo magari più accessibile ed esteticamente compatibile con le loro attività il sito ove stazioneranno i  natanti.  Ad esempio non ci sorprenderebbe se alcuni dei concessionari interessati risultassero infine figure legate in qualche modo alla nota “Fondazione Caboto”, possibilità da molti segnalatoci, ente privato cui l’Amministrazione Mitrano ha già destinato due piani dell’edificio pubblico antistante il tratto interessato, la Caserma Cosenz. Si tratterebbe comunque solo dell’ennesimo esempio di come l’Autorità Portuale vigente elargisca favori e residuali prebende a ristrette clientele locali per loro interessi anziché promuovere come dovrebbe lo sviluppo portuale cittadino, non a caso in competizione con l’egemonia di Civitavecchia. In riferimento poi ai suddetti lavori così concepiti e sovvenzionati dalla stessa Autorità su indicazione dell’amministrazione Mitrano, fermo restando la necessità di una auspicata riqualifica del lungomare stesso, si tratterebbe dell’ennesimo caso di come il denaro pubblico venga destinato piuttosto per privilegi in contrasto con gli interessi delle classi popolari ed il bene comune.  Il nostro appello è destinato a chiarire quanto denunciato e ci aspettiamo fin da subito risposte ufficiali dalle autorità competenti. Ci riserviamo comunque di intraprendere sempre anche le vie più formali per approfondire la natura, il numero ed i destinatari delle suddette concessioni. Resta in ogni caso evidente la vocazione dell’attuale Autorità Portuale e la sua incapacità di tutelare gli interessi locali, la sua distanza incolmabile e non solo chilometrica dalle reali esigenze del territorio. Fa specie che proprio gli stessi amministratori che hanno favorito l’ingresso di Gaeta in questo ente ora ne critichino ipocritamente l’operato. Noi di Rifondazione Comunista fin da subito fummo gli unici ad opporci fermamente a tale annessione e a prevedere quanto oggi è sotto gli occhi di tutti.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *