Rientro a singhiozzo a scuola a Sabaudia

Aula

Ci sono stati altri due giorni di chiusura delle scuole  di  Sabaudia. Una nuova ordinanza è stata emessa il 16 settembre dal sindaco Giada Gervasi. Dopo una prima sanificazione effettuata in tutti i plessi degli istituti scolastici “G.Cesare” e “O.Cencelli” interessati da segnalazioni relative a forti odori e una seconda in corso, la Asl di Latina, già attivata dall’Amministrazione comunale a seguito dell’ordinanza del 12 settembre, ha richiesto, nel rispetto del protocollo, nuovi prelievi dell’Arpa Lazio.  Il primo cittadino di Sabaudia è in attesa dei primi risultati degli accertamenti che arriveranno nelle prossime settimane, e di concerto con i Dirigenti scolastici degli Istituti, ha emesso una nuova ordinanza di chiusura dei plessi per le giornate del 17 e 18 settembre 2019“al fine di escludere in via precauzionale  qualsiasi problematica legata alla sicurezza delle comunità scolastiche del territorio. L’Amministrazione comunale, nelle stesse modalità degli anni precedenti, prima dell’avvio dell’anno scolastico ha attivato il normale iter procedurale per eseguire gli interventi di disinfezione nei plessi supervisionati dal responsabile del settore III (servizi ai cittadini) Fabio Minotti che ha anche effettuato controlli a campione sulle aree. Nella giornata dell’11 settembre, alla luce della segnalazione della dirigente scolastica dell’I.O Giulio Cesare che evidenziava anomalie riguardanti forti odori nelle classi, l’Amministrazione si è attivata in modo tempestivo con verifiche e controlli e disponendo ordinanza di chiusura precauzionaleper le giornate del 12 e 13 settembre dei plessi che avevano già iniziato le attività scolastiche.   In sinergia il responsabile del settore III e il comandante della Polizia Locale Alessandro Leone, nell’ambito delle proprie competenze, hanno immediatamente effettuato sopralluoghi in tutti i plessi del territorio comunale anche dove non era stata segnalata nessun tipo di problematica. Nel frattempo  continuano indagini e verifiche al fine di comprendere cosa sia accaduto nelle strutture in cui è stato segnalato il forte odore, stabilirne l’esatta natura e individuare eventuali responsabilità”.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *