Riconsegnata alla Curia di Latina la campana rubata a Sermoneta

Campana

Un bene rubato più che centenario è stata riconsegnato al legittimo proprietario:  alla Curia vescovile di Latina è arrivata la campana ottocentesca rubata nel mese di marzo dalla chiesa di San Francesco a Sermoneta, durante i lavori di ristrutturazione del campanile promossi dal Fec, il Fondo per gli Edifici di Culto, proprietario dell’immobile. La campana era stata smontata e collocata nel chiostro dell’attiguo convento ma, una notte, qualcuno – forse informato dei lavori in corso – è riuscito a portare via il pesante cimelio. Una delicata attività di indagine svolta dai Carabinieri della Stazione di Sermoneta, guidati dal Maresciallo Antonio Vicidomini, ha portato al ritrovamento della campana. Top secret i dettagli dell’operazione: è ancora in corso l’attività investigativa per risalire alle responsabilità degli autori e consegnarli alla giustizia. Nei giorni scorsi c’è stata la restituzione ufficiale della campana alla Curia e al Parroco della Cattedrale di Santa Maria Assunta, Don Leonardo Pompei, che ha fatto rintoccare simbolicamente la campana come segno di festa. La campana è stata riposta provvisoriamente nel Museo diocesano di Sermoneta, di proprietà della Curia e per il quale l’Amministrazione comunale sta lavorando per arrivare alla riapertura. A collaborare alla restituzione, anche i volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Sermoneta. Di quella campana finora si sapeva ben poco. Grazie a una attenta lettura dell’iscrizione latina presente sul dorso, è stato possibile risalire alla fonderia, la Cacciavillani, nel 1835, appartenente all’omonima famiglia composta dal padre Aloisio e il figlio Vincenzo

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *