Ragazza 13enne si suicida: indaga la Procura di Roma

Cellulari

La Procura della Repubblica di Roma sta indagando in relazione in relazione alla morte di una ragazzina di 13 anni che nel pomeriggio di domenica 29 settembre si è tolta la vita lanciandosi dal balcone dell’appartamento dove viveva con la famiglia. I pm, coordinati dal procuratore aggiunto, vogliono chiarire il contesto in cui si è consumata la tragedia e verificare eventuali episodi di bullismo. Secondo quanto ha riportato il Messaggero, la giovane sarebbe stata bersaglio di violenti messaggi da parte dei suoi coetanei, arrivati sul suo smartphon attraverso l’applicazione ThisCrush. Si tratta di una piattaforma molto diffusa tra giovani e giovanissimi, in grado di connettersi aInstagram attraverso la quale recapitare messaggi anonimi. Una pratica diffusa non solo tra gli studenti del liceo, ma come in questo caso, anche delle scuole medie. Per verificare se la ragazzina sia stata vittima delle vessazioni dei bulli gli inquirenti analizzeranno il cellulare. Sono in corso indagini anche su un altro episodio ovvero il tentativo di suicidio di una bimba di dieci anni salvata da due poliziotte. Tuttavia gli investigatori stanno esaminando anche lasituazione familiare nella quale la ragazza viveva: studentessa, i genitori si stavano separando ed era spesso sola. Nel frattempo gli investigatori hanno sequestrato il suosmartphone, che verrà analizzato.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *