Il racconto degli orrori della Turchia da un giornalista free lance di Latina

Golpe in Turchia
Golpe in Turchia

Abbiamo seguito tutti con il fiato sospeso quello che è accaduto in Turchia con il fallito golpe attuato dai militari che volevano scalzare il premier Erdogan dal potere democraticamente ottenuto tramite elezioni. Un testimonianza riportata da Latina editoriale Oggi è quella di un giornalista freelance di latina che abita in Turchia, Giuseppe Mancini, di 42 anni, che ha raccontato quello che è successo: Il 15 luglio è già diventato una data simbolo per la Turchia, insieme al 27 maggio, al 12 settembre, al 28 febbraio. Stavolta però il tentativo di colpo di Stato è fallito: dopo una notte di sgomento, di panico, di scontri, di voci incontrollati, di incubi del passato, il governo turco ha ripreso il controllo totale del Paese. Sull’identità dei golpisti ancora non c’è chiarezza: si è trattato o di seguaci dell’imam Fethullah Gülen, nemico giurato del presidente Erdogan; o di kemalisti che hanno cercato di approfittare della situazione difficile della Turchia in termini di sicurezza.” Ricordiamo in breve quello che è accaduto: oltre 265 morti, tra cui 161 tra civili e forze governative e 104 golpisti. I feriti sarebbero oltre 1400 mentre i militari arrestati sono 2839.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *