Scipione Salvagni

La città di Bassiano piange la sua prima vittima di covid, uno dei  sette decessi avvenuti nella giornata del 17 novembre. Il suo npme era Scipione Salvagnioriginario proprio di Bassiano e molto noto. Aveva 90 anni ed era stato ricoverato all’ospedale Goretti di Latina dopo il contagio. Ha commentato il sindaco di Bassiano Domenico Guidi: “Esprimo a nome dell’intera comunità di Bassiano il cordoglio per la scomparsa di un grande professionista di un grande uomo di cultura e protagonista di attività sociali. Per anni presidente della Pro Loco ha dato lustro al paese valorizzando le attività turistico ricettive attraverso l’organizzazione di manifestazioni ed eventi di livello nazionale e internazionale.Dedito alle iniziative di spessore culturale in favore di Aldo Manuzio e della promozione internazionale dei personaggi locali, di iniziative per la tutela dell’ambiente e della natura. Precursore nella prevenzione sanitaria, da presidente della Cooperativa Farla (cooperativa dei Farmacisti) ha dato un importante impronta all’occupazione e alla salvaguardia dei livelli occupazionali dei giovani. Lascia al paese di Bassiano una grande eredità con le strutture che ha realizzato e con le coscienze che ha formato. Sono sicuro che faremo tesoro dei suoi insegnamenti e avremmo altresì il grande compito di valorizzarli e mantenerli per il bene comune. Ci lascia un grande personaggio e d’ora in avanti il paese sarà più povero ma orgoglioso di aver annoverato trai i propri cittadini un grande uomo. Ci lascia un amico e compagno che era sempre lucido e raffinato nelle sue esternazioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui