Per la prima volta la città di Formia ricorda il celebre Valentino Liberace, tra gli artisti più affermati e pagati al mondo con il più alto cachet tra gli anni ‘50 e 70 negli Stati Uniti. L’evento è stato presentato nella mattinata del 28 luglio in Sala Sicurezza dove sono intervenuti il sindaco Gianluca Taddeo, gli assessori Fabio Papa (Cultura) e Giovanni Valerio (Turismo), e il direttore artistico della kermesse Daniele Iadicicco, presidente dell’associazione Terrarunca, che fa parte del comitato organizzativo comprendente anche le altre associazioni Accademia Musicale di Formia (Marco Ciampi), WebProgens (Alberto Simione), Centro Studi Storici Archivistici (Raffaele Capolino).

Formia, insieme con la famiglia dell’artista, sia nel ramo americano che in quello formiano, ha voluto affiancare gli organizzatori in questa iniziativa, che sarà anticipata il 29 luglio quando dalle ore 21:00, alcune proiezioni luminose 8 metri x 4 illumineranno il palazzo comunale di via Vitruvio. Sabato 30 luglio alle ore 19:00 nella piazzetta prospiciente Rampa Capo Castello, nel quartiere di Castellone, il luogo di nascita (1885) del papà di Liberace, Salvatore, verrà scoperta una targa disegnata dall’artista Massimo Patroni Griffi, a prosecuzione del percorso del progetto “Storie Su Pietra”. La serata finale è fissata domenica 31 luglio, alle ore 20:30, presso la Corte Comunale di Formia (ingresso gratuito), dove è in programma la conferenza-concerto dedicata allo storico personaggio “a stelle e strisce” che vedrà protagonisti Daniele E. Iadicicco e il maestro Marco Ciampi, che si esibirà al pianoforte.

Sarà svelata la storia del famoso pianista: le musiche da lui eseguite sono state utilizzate in colonne sonore di molti film e una delle sue canzoni più conosciute è il brano natalizio “Here Comes Santa Claus”. Un divo a 360° capace di passare dal cinema (da attore è apparso in due episodi della serie televisiva degli anni ‘60 Batman e il suo nome è inserito fra quelli delle celebrità della Hollywood Walk of Fame) alla Tv e soprattutto in grado di influenzare una generazione di artisti che ancora oggi a lui fanno riferimento in opere o canzoni. Basti pensare che da Nina Simone a Bob Dylan, da Lady Gaga a Dr. Dre tutti hanno fatto citazioni su Liberace. Questo grande divo, che è l’unico italiano ad avere ancora oggi (a circa 40 anni dalla scomparsa) un museo dedicato a Las Vegas, è stato molto rilanciato anche dal film di alcuni anni fa di Steven Soderbergh con Michael Douglas e Matt Damon.

Durante la conferenza stampa di presentazione il sindaco Gianluca Taddeo ha sottolineato la figura emblematica di Valentino Liberace, “un personaggio che si è distinto in campo internazionale e questa iniziativa molto importante va premiata con questo riconoscimento dell’intitolazione della piazzetta per lasciare un segno tangibile della loro attività di promozione del nome della nostra città”. Ed ha aggiunto che “la serata alla Corte Comunale, un luogo che l’amministrazione ritiene sia il cuore nevralgico di Formia, sarà il culmine di un certosino e prezioso lavoro da parte delle associazioni che hanno lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo”.

Ha spiegato Daniele. Iadicicco: “Liberace è l’inventore stesso del concetto di show business ed è il prototipo del divo americano ‘Formia Celebra’ avrà un seguito da parte del comitato organizzativo che ogni anno vorrà celebrare un grande personaggio di origine formiana che si sia particolarmente distinto, per far sì che il ricordo non si perda nell’oblio del tempo. L’intitolazione della piazzetta è significativa visto che ancora oggi la stessa zona non porta nessun nome essendo sorta dal crollo di alcuni palazzi nel secondo conflitto mondiale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui