banner 728x90
Logo

Un appello che è stato lanciato da Potere al Popolo che ha a cuore le sorte della popolazione della citta di Afrin nel Kurdistan. Ecco ciò che è stato riportato nel comunicato mandato alla stampa:

“Mentre l’Italia s’interroga più o meno appassionatamente sul suo futuro istituzionale, ad Afrin nel Kurdistan siriano è in atto un’azione bellica disumana e sbilanciata che non può lasciarci indifferenti. La seconda potenza militare della Nato, dotata di armi sofisticate, è intenta a compiere un vero e proprio massacro di popolazione inerme, assediando, affamando e assetando una città intera, con l’intenzione di espugnare e distruggerla. Al contrario di quanto vogliono farci credere le autorità turche e alcuni media internazionali, quella in corso ad Afrin non è un’azione bellica tra due eserciti che si fronteggiano, bensì il massacro, contrario a ogni norma del diritto internazionale e umanitario, di civili indifesi. Per questa ragione chiediamo alla comunità internazionale e soprattutto alle autorità italiane di risvegliarsi dal loro torpore indifferente.

Chiediamo:

  • che l’ONU faccia applicare la sua risoluzione sul cessate il fuoco;
  • che la Turchia venga sanzionata per la palese violazione del diritto internazionale di cui si sta rendendo protagonista.

Chiediamo al Governo italiano che si insedierà nei prossimi giorni, qualunque sarà il suo colore e la sua composizione:

  • la rescissione di tutti gli accordi conclusi dal precedente governo con la Turchia;
  • l’interruzione di ogni relazione diplomatica e commerciale col governo turco.

Invitiamo chiunque abbia a cuore il rispetto dei diritti umani, siano essi associazioni, partiti o persone fisiche, a boicottare economicamente la Turchia. Ci auguriamo che l’azione italiana, di concerto con altri Paesi, a livello internazionale, porti all’istituzione di un tribunale speciale per la messa in stato d’accusa per crimini contro l’umanità di Erdogan, sulle base del diritto internazionale umanitario.”

banner 728x90