Veliero sequestrato

 E’ un battello lussuoso che è stato portato dalla Tunisia a Gaeta da un equipaggio composto da militari del comparto navale della Guardia di Finanza lo yacht da regata “Lulworth”, il più grande cutter aurico del mondo – lungo 46 metri, con un albero di 52 metri e una superfice velica di oltre 1.300 mq – varato nel 1920. Il natante, del valore di oltre 10 milioni di euro, era compreso tra i beni oggetto di un decreto di sequestro preventivoemesso dal Gip del Tribunale nel febbraio 2017 su richiesta della Procura di Roma, nei confronti di un faccendiere romano relativo al suo ingente patrimonio mobiliare e immobiliare stimato in oltre 40 milioni di euro, e composto da imbarcazioni e auto d’epoca di pregio, tra cui Ferrari, Rolls Royce, Bentley e Jaguar, lussuose ville nel rinomato quartiere capitolino dell’Olgiata –. Come è stato ricostruito nel corso delle indagini condotte da militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma della Guardia di Finanza nell’operazione “Exodus”, l’uomo, nonostante avesse in modo fittizio spostato la residenza dapprima nel Principato di Monaco e poi a Dubai, era a capo di un’associazione per delinquere che ha gestito una pluralità di società, nazionali ed estere, utilizzate per l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre 180 milioni di euro – aventi ad oggetto fantomatiche consulenze e prestazioni di servizi – di cui hanno beneficiato imprenditori sia italiani che stranieri.  E per questi fatti l’uomo e altri 4 sodali sono stati destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare nel novembre 2018.Il pezzo di maggior pregio dei beni riconducibili al faccendiere – schermati mediante una serie di imprese estere intestate a compiacenti prestanome – è rappresentato proprio dal “Lulworth”, di cui l’imprenditore aveva cercato di far perdere le tracce. Secondo la ricostruzione narrata dalla Guardia di Finanza, il natante era stato spostato dal porto Le Grazie di Porto Venere (SP) a quello iberico di Palma di Maiorca (Spagna), da dove era salpato all’inizio del 2017 verso una destinazione sconosciuta. Gli investigatori del Gico di Romasono riusciti a individuarlo nel mese di aprile dello stesso anno, con l’ausilio del II Reparto del Comando Generale del Corpo e del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno, presso il porto di Bizerte in Tunisia, dove è rimasto, sotto il controllo e la sorveglianza delle Autorità tunisine, fino a pochi giorni fa. Il Gip del Tribunale di Roma ha disposto l’affidamento dell’imbarcazione in giudiziale custodia alla Guardia di Finanza, che la impiegherà per lo svolgimento di attività di addestramento rivolte al personale del comparto navale organizzate dalla Scuola Nautica di Gaeta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui