Picchiato in strada a Terracina, individuati gli aggressori

Polizia
Polizia

Una azione brutale  si è svolta a Terracina ma che ha avuto un esito fortunatamente buono. Infatti Gli Agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Terracina, a conclusione di una indagine hanno individuato gli autori di una spietata aggressione avvenuta alcuni giorni fa in pieno centro cittadino. Nei pressi di una piazza, abituale ritrovo di giovanissimi in prossimità di alcune attività commerciali, facevano la loro comparsa tre minorenni. Gli stessi, che avevano preparato un vero e proprio agguato ad un loro coetaneo, già da tempo preso di mira, armati di casco irrompevano in un contesto fino a quel momento connotato da tranquillità e spensieratezza. Purtroppo le intenzioni dei tre erano ben altre, così, rintracciata la loro vittima lo hanno fatto alzare e dopo avergli fatto pronunciare il suo nome lo hanno malmenato. Mentre due lo reggevano l’altro lo picchiava fino a farlo rovinare a terra per poi continuare a colpirlo senza pietà. L’aggressione, volutamente consumata davanti a tutti quei giovani, doveva avere il chiaro significato di monito per tutti. Tipica dimostrazione di “forza” delle “gang giovanili”. Non è una novità assistere a fenomeni di questo tipo, di adolescenti che cercano la propria accettazione nei contesti sociali tipici della loro età imponendosi con la forza fisica che puntualmente implica la necessità di cercarsi un “nemico”. Oltre alle ferite inferte allo sventurato coetaneo, che doveva ricorrere alle cure del pronto soccorso, i tre riuscivano a creare terrore in tutti i presenti. Oltre alle urla e alle botte lanciavano sedie e tavolini, il tutto in un clima di paura che aveva lasciato impietriti i presenti. Alla richiesta formulata dagli Agenti che hanno condotto le indagini, sul perché nessuno di loro avesse richiesto l’intervento della Polizia, formulando il numero di servizio pubblico “113”, questi rispondevano di essere rimasti attoniti testimoni di una brutale aggressione che speravano solo finisse al più presto. Fortunatamente la segnalazione al Commissariato giungeva da alcuni passanti grazie ai quali gli Agenti riuscivano a raccogliere le prime informazioni sull’accaduto. La successiva attività d’indagine consentiva l’individuazione dei tre aggressori che nonostante la giovanissima età, tra i 14 ed i 15 anni, si sono resi responsabili di gravi reati per i quali sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Roma. Ed ora questi tre ragazzi rischiano veramente una condanna pesante, solo perché volevano essere una banda.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *