Infermiere

Anche in Molise gli operatori sanitari che sono stati chiamati a combattere il Covid un anno fa, ora rischiano il posto. Tante promesse, tante speranze, ma nei fatti solo un licenziamento. Dopo un anno passato a lavorare duramente senza tutele, queste persone, chiamate “eroi” o  “angeli”, vengono abbandonate a loro stesse. Per Lisa questo non è ammissibile, ed ha pubblicato una petizione su Change.org per poterli aiutare:

Nel Marzo del 2020, a fronte della grande Emergenza pandemica dovuta al covid-19, gli “eroi” risposero ai bandi veloci per reclutare repentinamente gli operatori sanitari, per far fronte al grave deficit sanitario in cui la regione Molise versava.

Assunzioni a P.I e quindi senza alcun diritto che tutelasse la salute degli operatoriMandati a combattere una guerra a mani nude, contro un nemico sconosciuto ed invisibile.

Marzo 2021: trascorso un anno, tra proroghe e promesse vane, finalmente il verdetto: verranno sostituiti da nuovo personale.

Prima Angeli e poi demoni. Ci si chiede perché, per questi lavoratori, non sia stata applicata la legge attualmente in vigore dal “decreto cura Italia” art. 2-ter.

Loro chiedono semplicemente il riconoscimento del proprio sacrificio aderendo a concorsi, nei quali sia riconosciuta una corsia preferenziale, per chi ha rischiato la vita propria e quella dei propri cari.

Ad Aprile, 200 operatori sanitari, vedranno il loro contratto estinguersi. È davvero questo il riconoscimento che meritano?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui