Vignetta

E’ arrivato un altro schiaffo per i diritti umani che arriva dall’Egitto: Patrick Zaky sarà detenuto per altri 45 giorni. Sono mesi che il ricercatore dell’Università di Bologna è prigioniero in Egitto senza un giusto processo. Uno dei suoi più cari amici ha lanciato questa petizione al Governo Egiziano per chiedere di liberarlo. Ecco il testo della petizione pubblicata su Change.org: “Mi chiamo Amr sono un ingegnere e amico di lunga data di Patrick George Zaky. Patrick, studente del corso di master presso l’Università di Bologna, è stato rapito venerdì 7 Febbraio dalle forze di sicurezza egiziane al suo arrivo all’aeroporto del Cairo dove era tornato per le vacanze. Patrick è letteralmente scomparso per 24 ore dopodiché le forze di sicurezza egiziane hanno dichiarato di averlo arrestato presso la casa dei suoi genitori a Mansura. Le forze di sicurezza egiziane sono lo stesso gruppo che è stato già coinvolto nell’assassinio del ricercatore Giulio Regeni nel 2016. Chiedo al Governo egiziano di liberare subito Patrick George Zaky.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui