Petizione su Chang.org riguardo il revenge porn

Donna

Una petizione per far emendare una legge contro il Revenge Porn, quella pratica orribile di diffusione on-line di materiale intimo senza il consenso della persona interessata. Di Revenge Porn si può anche morire, come  è successo a Tiziana Cantone nel 2016 che si è suicidata dopo che alcuni suoi video hard erano stati pubblicati in Rete a sua insaputa.  In molti Paesi esistono leggi che puniscono severamente questa pratica criminale, in Italia ancora no. Unisciti a questo appello per chiedere al Parlamento di lavorare su una legge contro il revenge porn. La petizione diretta ai presidenti  Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati ha il seguente testo:

“ll revenge porn è la pratica, sempre più diffusa nella Rete, che consiste nella pubblicazione – o nella minaccia di pubblicazione, anche a scopo di estorsione – di foto o video intimi senza il consenso della persona interessata, spesso in risposta alla chiusura di una relazione. Un fenomeno umiliante e lesivo della dignità, che può condizionare la vita delle vittime anche nella ricerca di un impiego e nei rapporti sociali, ma non solo.

“Di quanto può essere esplosiva una tale miscela – scrive Matteo Grandi in “Far Web. Il lato oscuro dei social” – abbiamo già avuto un triste esempio con un caso di cronaca italiana che si è concluso con il suicidio della protagonista. La vicenda è quella di Tiziana Cantone, che si è tolta la vita il 13 settembre 2016, dopo che un suo video hard era diventato virale in Rete.”

Il revenge porn è riconosciuto come reato in Germania, Israele e Regno Unito, e in trentaquattro Stati degli Usa. In Italia, invece, non esiste alcuna legge specifica sul revenge porn. L’unica possibilità riconosciuta alle vittime è fare riferimento alla normativa sui reati di diffamazione, estorsione, violazione della privacy e trattamento scorretto dei dati personali, che non recepisce, però, la gravità e la peculiarità del fenomeno.

Per questo chiediamo anche nel nostro Paese l’introduzione di una legge ad hoc.

Occorrono azioni di prevenzione della violenza di genere e di educazione civica digitale rivolte alla popolazione generale.

Occorre responsabilizzare in modo tangibile i gestori delle piattaforme e delle applicazioni attraverso le quali si effettua il revenge porn.

Occorre punire gli autori di reato, occorre dotarsi degli strumenti per fermarli.

Occorre tutelare e sostenere adeguatamente le vittime, fatte oggetto di una vera e propria violazione e persecuzione, per permettere loro di tornare alla condizione di tranquillità cui tutte e tutti abbiamo diritto. “

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *