Pasquale Incarnato è stato scagionato dalle accuse mosse alla sua persona dai magistrati

Incarnato

Ha sempre avuto fiducia della azione della magistratura nei suoi confronti, ed è stato premiato: ha chiarito la sua posizione ed è stato scagionato da ogni accusa l’ex segretario comunale di Latina Pasquale Incarnato, finito nell’inchiesta Consip sugli appalti truccati condotta dalla direzione distrettuale antimafia e dalla Guardia di Finanza campana. Pasquale Incarnato, che ha affiancato il commissario Giacomo Barbato dal settembre 2015 e fino al luglio 2016, quando il nuovo Sindaco Damiano Coletta ha deciso di sostituirlo, era stato raggiunto dalla misura interdittiva dai pubblici uffici per un anno. Al Gip Federica Colucci ha saputo fornire ogni chiarimento in merito alla verbalizzazione delle sedute della gara a lui contestata. Ha scritto il Gip nel provvedimento di revoca dell’interdittiva: “La chiamata in correità  viene documentalmente smentita.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *