PARTITA LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE

Campagna Antinfluenzale
Campagna Antinfluenzale

Anche quest’anno è partita la campagna antinfluenzale. Il vaccino è disponibile gratuitamente ed è consigliabile farlo per le seguenti categorie: over 65 ,  bambini oltre i 6 mesi di vita, pazienti affetti da malattie croniche (dell’apparato respiratorio e cardiocircolatorio, diabete mellito e altre malattie metaboliche) , gestanti al secondo e terzo trimestre di gravidanza; medici e personale sanitario di assistenza; familiari e contatti di soggetti ad alto rischio. Infine, personale delle forze dell’ordine, Vigili del Fuoco e Protezione Civile e altri soggetti addetti a servizi pubblici di interesse collettivo. Il richiamo e l’appello delle autorità sanitarie è al senso di responsabilità dei cittadini perché chi non si vaccina, pur essendo a rischio, mina la propria salute e quella degli altri.

La novità di quest’anno è l’avvio parallelo  di un’altra campagna di vaccinazione, quella canti pneumococco, contro lo streptococcus pneumoniae, responsabile di infezioni sistemiche a carico dell’apparato respiratorio, quali la polmonite e, di malattie sistemiche, come  meningite e sepsi, il cui rischio aumenta con l’età in particolare sopra i 64 anni e in presenza di patologie croniche. Si fa una volta nella vita e permette, soprattutto alle persone anziane,di prevenire patologie insidiose che producono spesso danni permanenti. Per la campagna antinfluenzale che andrà avanti fino al prossimo 31 dicembre, la Regione Lazio, ha messo a disposizione 1.035.000 dosi di vaccino, investendo 11 milioni di euro. L’obiettivo della regione Lazio e’ raggiungere il 75% di copertura della popolazione over 65. L’ASL di Latina ha raggiunto nell’ultima campagna una copertura del 60,1% sulla popolazione ultrasessantacinquenne, superiore  alla media regionale che si è attestata al 49%. Per vaccinarsi è necessario rivolgersi al proprio medico di famiglia e presso i centri vaccinali dei servizi di igiene pubblica.

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *