Parte il processo a Latina del promoter finanziario truffatore

Tribunale di Latina

Finalmente è partito il processo a carico di Roberto Ciavolella, il promoter finanziario di Latinaaccusato di truffa per avere portato via a ignari investitori circa tre milioni di euro per poi sparire dall’Italia facendo perdere le proprie tracce. Il 18 giugno, il giudice monocratico del Tribunale dei Latina Rosamunda Zampi ha revocato finalmente la dichiarazione di irreperibilità dell’imputato che fino ad oggi aveva impedito di iniziare il processo ed ha accolto la costituzione di parte civile di una decina di vittime dell’operatore finanziario assistite dagli avvocati Claudio Cardarello e Alessandro Mariani. E’ stata accolta anche la richiesta di chiamare in causa come corresponsabile l’istituto di credito di Latina per il quale Ciavolella lavorava. L’indagine che ha coinvolto il promoter denominata Easy Gain era stata condotta dalla Guardia di Finanza e aveva portato, nel 2013, ad accertare come l’imputato aveva sotratto una ingente quantità di denaro facendosi firmare una delega in bianco e fornendo ai clienti false rendicontazioni. I soldi in effetti non venivano investiti ma finivano direttamente sul suo conto. Ma nessuno è mai riuscito a prenderlo: Ciavolella è infatti fuggito in Kenya e non ha mai fatto rientro in Italia. Ma il processo è avviato, e si torna in aula il 5 novembre per ascoltare gli investigatori delle Fiamme Gialle. 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *