banner 728x90
Papa Francesco

Il vescovo di Roma, Papa Francesco, ha festeggiato l’Immacolata Concezione con un piccolo pellegrinaggio romano pensando ai mali che attanagliano la città. Li elenca tutti, uno per uno. L’indifferenza, la maleducazione civica, la scarsa attitudine a tutelare il bene comune, la paura degli stranieri. La preghiera che recita davanti alla colonna della Madonna in piazza di Spagna la ha composta di suo pugno. E’ semplice ma efficace.
Il pellegrinaggio pomeridiano ha avuto inizio dalla basilica di Santa Maria Maggiore dove ha sostato in preghiera davanti all’immagine della “Salus Populi Romani”, l’icona considerata miracolosa dai romani perchè in diverse occasioni ha salvaguardato l’urbe da disastri, carestie, pestilenze. Successivamente il programma della giornata di Bergoglio ha incluso l’attesa sosta in Piazza di Spagna per il tradizionale Atto di venerazione all’Immacolata. Ad attenderlo il sindaco Virginia Raggi, il nuovo vicario di Roma, monsignor Angelo De Donatis ma soprattutto un centinaio di malati in carrozzella accompagnati dai volontari dell’Unitalsi. Bergoglio ha depositato un cesto di fiori e al microfono ha pregato per le famiglie in difficoltà, per gli emarginati, per chi non trova lavoro e, naturalmente, per Roma, la sua diocesi. “O Madre, aiuta questa città a sviluppare gli anticorpi contro alcuni virus dei nostri tempi: l’indifferenza, che dice: Non mi riguarda; la maleducazione civica che disprezza il bene comune; la paura del diverso e dello straniero.” Prima di rientrare in Vaticano, ha fatto una tappa alla Basilica di Sant’Andrea delle Fratte per un omaggio alla Madonna della Medaglia Miracolosa, la chiesa barocca progettata da Borromini di cui quest’anno si celebra il 350esimo anniversario dalla morte.

 

 

 

banner 728x90