Tribunale

Si è svolta nella mattina del 24 giugno davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina una nuova udienza de processo a carico di Druc Vasilica, un cittadino romeno di 36 anni, accusato di avere venduto alcune dosi di eroina e cocaina rivelatesi fatali per Maurizio Berti, il cui cadavere era stato rinvenuto il 15 febbraio dello scorso anno all’interno di una baracca su via Piave, alle spalle di Sport ’85. Quell’appezzamento di terreno in realtà era stato occupato senza alcun titolo ed era diventato una vera e propria piazza di spaccio. L’imputato era stato arrestato nell’ottobre del 2019 a conclusione di una serie di indagini che lo avevano individuato come il pusher ritenuto responsabile non solo di aver ceduto le dosi mortali al tossicodipendente ma anche di aver venduto cocaina ed eroina ad altri assuntori del luogo. Per lui l’accusa è quella di morte come conseguenza di altro reato. In aula sono stati ascoltati alcuni investigatori dei carabinieri che hanno ricostruito le fasi dell’inchiesta con pedinamenti e intercettazioni telefoniche attraverso le quali si è arrivati ad individuare in Vasilica il responsabile del decesso del 45enne.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui