… questo non è amore: conversazione con il sindaco Sandro Bartolomeo

Locandina Polizia di Stato sulla violenza alle donne
Gazebo Polizia
Agenti Polizia
Sindaco allo stand della Polizia
Gazebo Polizia
Gazebo Polizia

La campagna informativa della Polizia di Stato sulla violenza contro le donne è arrivata a Latina e provincia, e nel pomeriggio dell’8 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna la Questura ha montato degli stand informativo per quanto riguarda la sensibilizzazione su questo argomento. I messaggi sono questi che nel volantino sono stati riportati: ” Se danneggia le tue cose … Se ti ricatta … Se ti segue … Se pretende amore o sesso quando tu non vuoi … Se ti spinge e schiaffeggia … Se ti umilia … Se ti isola … Se ti intimidisce … Se ti chiude in una stanza … Se minaccia te ed i tuoi figli … Se ti offende … Se ti stizzisce … Se ti controlla … Se ti fa del male fisico …. Se minaccia la tua libertà economica … Se ti telefona di continuo per insultati … Se ti prende a calci, ti tira i pugni e ti strappa i capelli … Se ti infastidisce con SMS ossessivi … Se ti chiede l’ultimo appuntamento….” Tutte queste cose si sintetizzano in una frase, una frase sola: “…. questo non è amore”. E proprio di questo argomento, della violenza contro le donne e approfittando dello stand informativo che ne pomeriggio è stato installato nelle vicinanze del Palazzo Comunale, ho fatto una conversazione con il sindaco di Formia Sandro Bartolomeo

Nel pomeriggio ci sarà una  iniziativa importante nei pressi del Comune: lo stand della Polizia di Stato, che oltre a Formia sarà presente anche in altri 11 comuni, e la Polizia sta facendo una campagna di sensibilizzazione contro la violenza alle donne che si chiama “…. questo non è amore”. Il tuo pensiero riguardo a questa iniziativa.

“Ovviamente sono, non solo favorevole, ma ci siamo anche messi a disposizione della Polizia di Stato. Ritengo che sia un modo particolarmente efficace da parte delle istituzioni italiane. La Polizia è una istituzione molto importante, di dimostrare ai cittadini lo spirito di servizio e in qualche modo la vicinanza. Quella della violenza sulle donne, violenza che spesso si spinge fino all’omicidio, è un fenomeno molto preoccupante, che noi dobbiamo assolutamente essere tutti quanti convinti che si combatte in un solo modo: informando, facendo crescere la cultura, e sopratutto aiutando le persone che ne sono vittima, a uscire dall’isolamento, e a denunciare quando ci sono stati di questo genere. La Polizia è un anello importante, la Polizia è l’ente che può proteggere, che può aiutare, che può supportare in questi momenti difficili.”

Cento anni fa in Russia le donne scesero in piazza per rivendicare pane e la fine della guerra. A cent’anni di distanza le donne russe hanno subito una mutilazione dei loro diritti di essere donna in quanto hanno depenalizzato i reati contro la violenza su di loro. Il tuo parere questa situazione.

“Si tratta di contesti geografici e culturali molto diversi dai nostri, quindi è difficile giudicare queste cose a  migliaia di chilometri di distanza e con una cultura diversa. in Italia sarebbe impensabile tutto questo che lì avviene sarebbe impensabile ma certo c’è anche da riflettere su che tipo di direzione sta prendendo lo stato in quel paese, questo è molto preoccupante.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *