Nel processo Dont’Touch 2 i giornalisti si costituiscono come parte civile

Tribunale di Latina

C’è stata una nuova udienza nella mattinata del 17 settembre davanti al Tribunale di Latina presieduto da Francesco Valentino del processo Don’t Touch 2 che ha visto sul banco degli imputati i fratelli Angelo e Salvatore Travali, finiti nell’inchiesta Astice,  Costantino Cha Cha Di Silvio, Gianluca Tuma, Giuseppe Travali, Angelo Morelli, Benvenuto Toselli, Gino Grenga, Vincenzo Guerra, Giuseppe Travali, Francesco Viola, Stefano Ciaravino, Riccardo Pasini, Giancarlo Alessandrini, i carabinieri Giuseppe Almaviva e Fabio Di Lorenzo, Francesco Falco, Gino Rampello, Anna Maria Giannasi e Vincenzo Scala. Il collegio penale ha ammesso la costituzione di parte civile dell’Associazione Stampa Romanae della Federazione Italiana della Stampa a fianco del giornalista Vittorio Buongiorno del Messaggero nei confronti di Gianluca Tuma per le pesanti minacce  nei confronti del collega rivoltegli a gennaio 2015. Il collegio ha accettato la tesi degli avvocati Giulio Vasaturo per la FNSI e Irene Mottola per ASR che hanno sostenuto che le minacce rivolte al Buongiorno colpiscono non solo lui ma l’intera categoria dei giornalisti che dai due organismi sindacali sono rappresentati e tutelati. Soddisfazione è stata espressa dal segretario di Stampa Romana, Lazzaro Pappagallo, presente al processo con alcuni colleghi pontini che hanno fatto da scorta mediatica a Vittorio Buongiorno. Ha commentato il segretario di ASR: “E’ la prima volta che chiediamo di costituirci parte civile in un processo per le minacce a un giornalista  ed è importante e significativo che il Tribunale abbia riconosciuto la legittimità del sindacato territoriale di tutelare anche nelle sedi giudiziarie tutti gli iscritti minacciati, intimiditi o aggrediti mentre svolgono il loro lavoro di cronisti”. Il processo è stato rinviato all’8 ottobre prossimo per il conferimento di incarico al perito per le intercettazioni telefoniche.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *