banner 728x90
Crociata e Petrocchi

E’ possibile che in un futuro prossimo il neo cardinale si possa trovare a votare anche per l’elezione del nuovo papa che succederà a papa Francesco, e chissà, anche lui potrebbe diventarlo. Nel segno di papa Francesco che sta scegliendo come cardinali pastori che hanno il contatto con le pecore anche in sedi che fino ad ora non  hanno avuto l’onore della berretta cardinalizia. Stiamo parlando di Mons. Gouseppe Petrocchi, che nel recente passato è stato eletto come vescovo della diocesi di Latina e da qualche tempo arcivescovo dell’Aquila, città martoriata da un terribile terremoto diversi anni fa. E la gioia di questa nomina è giunta fino al capoluogo pontino, con un messaggio scritto dall’attuale vescovo Mons. Mariano Crociata: “Cari confratelli e fedeli tutti,

desidero dare voce ai sentimenti di gioia e di gratitudine che sono sorti dentro di noi alla notizia della nomina cardinalizia di Mons. Giuseppe Petrocchi. La scelta di papa Francesco è un segno di singolare attenzione alla sua persona e al servizio svolto in questi anni nella martoriata arcidiocesi de L’Aquila, ma costituisce anche un riconoscimento per il ministero episcopale sviluppato per lunghi anni nella nostra Chiesa pontina. Ci sentiamo pertanto in maniera speciale partecipi della festa della Chiesa per la sua nomina, che rinnova in noi il senso di riconoscenza per l’opera pastorale svolta a Latina, dove ha lasciato una impronta profonda e duratura.

Vogliamo far giungere al cardinale eletto, insieme al nostro caloroso augurio, la preghiera per il suo ministero episcopale e per il nuovo impegno ecclesiale accanto al Santo Padre a favore della Chiesa universale, in attesa di potergli porgere personalmente il nostro carico di stima e di affetto in occasione di un incontro che ci disponiamo a preparare e realizzare.”

banner 728x90