Morto un operaio ad Aprilia: intervento dell’ANMIL

Cancello
Cancello

Un morto per il lavoro ad Aprilia, un operaio è rimasto schiacciato per la caduta di un cancello scorrevole davanti all’azienda dove lavorava. Non si conoscono ancora i particolari della vicenda, ma si deve registrare ancora una volta  “l’ennesima tragedia sul lavoro che si aggiunge alle numerosi morti sul lavoro avvenute nella nostra Provincia nel 2016, morte che poteva e doveva essere evitata” dice  Elio Compagnucci, Presidente Provinciale dell’Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro. Continua  ancora a parlare Compagnucci: ” Nella nostra Provincia abbiamo avuto nel corso degli ultimi mesi più incidenti sul lavoro che in passato e dobbiamo ancora una volta registrare il silenzio assordante dei datori di lavoro delle grandi imprese , come delle piccole, fino alle Ditte individuali di fronte al ripetersi dell’ennesima tragedia. E’ ora di dire basta! Lo Stato, le Regioni, le amministrazioni pubbliche, gli Enti locali, devono fare la loro parte prevedendo norme rigorose e facendole rispettare con i dovuti controlli ed ispezioni; ma allo stesso tempo anche i datori di lavoro dovrebbero, una buona volta, rompere il silenzio ed assumere impegni precisi ad agire d’ora in poi con la diligenza del buon padre di famiglia, preservando sopra ogni altro interesse, la salute e la vita dei propri dipendenti. L’ANMIL di Latina esprime solidarietà e vicinanza alla famiglia dell’operaio di Aprilia , offrendo gratuitamente tutta l’assistenza di cui possano avere bisogno. “

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *