Morte di Karin, lunga udienza in Tribunale e contraddittorio tra le parti

Tribunale di Latina

Una guerra giudiziaria a Latina è iniziata con la guerra di perizie in Tribunale per la morte di Karin Dalla Senta, la giovane di 26 anni di Latina deceduta al Goretti nell’aprile del 2013. Sono cinque i medici imputati per omicidio colposo, secondo i familiari della ragazza, Karin poteva essere salvata con una diagnosi tempestiva. Per oltre quattro ore in aula hanno deposto i consulenti medici di due imputati che hanno sostenuto che al Pronto Soccorso del Goretti, una volta che Karin è arrivata sono state eseguite tutte le indagini mediche per dei dolori addominali che la 26enne lamentava. In aula davanti al giudice monocratico Laura Morselli si è svolto il contraddittorio tra le parti: tra i consulenti degli imputati e il medico legale che ha eseguito l’autopsia e che ha ribadito che con una diagnosi tempestiva invece le probabilità di salvezza di Karin erano molto elevate. La giovane che aveva accusato un malore a casa era stata visitata in un primo momento dal medico di famiglia che le aveva prescritto dei medicinali, in un secondo momento è stata accompagnata al Goretti dal papà, dove secondo i familiari è rimasta per diverse ore al Pronto Soccorso in attesa di essere visitata, poi quando è stata ricoverata, sempre in base all’esposto dei familiari, la situazione ormai era compromessa e la giovane è morta. La prossima udienza è fissata per il 15 novembre.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *