Polizia

Quattro giovani stranieri sono stati aggrediti da un ragazzo minorenne a Fondi, che è stato indagato per i reati di tentato omicidio, porto di armi e oggetti ad offendere, lesioni aggravate.  La sera del 25 luglio è arrivata alla sala operativa del commissariato di Fondi una telefonata che segnalava una lite in via Toniolo, nei pressi dell’anfiteatro. Pochi minuti dopo si sono presentate agli uffici di polizia cinque persone di nazionalità indiana, tra le quali due che erano ferite in modo vistoso e che hanno raccontato di essere rimaste vittime di un’aggressione da parte di un ragazzo italiano. Le vittime sono state identificate e accompagnate in pronto soccorso per essere medicate e successivamente hanno sporto denuncia. Due dei cittadini indiani hanno riferito che intorno alle 21, mentre si trovavano in centro a Fondi, sono stati colpiti improvvisamente alla testa con un pugno. Per tutta risposta hanno contattato altri tre connazionali e si sono recati sotto l’abitazione dell’aggressore, che era stata indicata loro da alcuni ragazzi che erano presenti al pestaggio. Volevano una spiegazione del gesto, ma il ragazzo è sceso dalla sua abitazione nascondendo dietro la schiena un coltello da caccia di grosse dimensioni. Sua madre cercava di evitare con ogni mezzo il confronto, ma il minore ha improvvisamente estratto l’arma e ha colpito con il manico al volto uno dei ragazzi indiani provocandogli un trauma contusivo della regione nasale, poi ha ferito un altro connazionale, che è riuscito a reagire in tempo evitando che il fendente lo raggiungesse al centro del collo..  Gli agenti di Polizia hanno raggiunto l’abitazione e il giovane aggressore ha consegnato loro il coltello appena utilizzato, ancora sporco di sangue e per lui è scattato l’arresto in regime di domiciliari come è stato disposto dal procuratore di turno presso la procura del tribunale dei minori di Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui